Campagna - L'ottico-optometrista - I fatti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cartaceo > Settembre
Campagna
L’ OTTICO-OPTOMETRISTA
Filippo Torre: dedizione, esperienza e professionalità
di Noemi Manna

In un mondo sempre più industrializzato, diventa essenziale salvaguardare e valorizzare gli antichi mestieri, poiché seguendo la via della trasformazione si lasciano e si perdono le tracce di preziosi lavori.
Una delle tante professioni da preservare è sicuramente quella dell’ottico, attività qualificata come “ausiliaria di una professione sanitaria” e prevista in un decreto risalente al 1928. Da allora, gli ottici hanno acquisito maggiori conoscenze, abilità e competenze, attraverso una formazione di livello superiore che ha permesso l’affermarsi della figura dell’ottico-optometrista.
In un caldo pomeriggio abbiamo intervistato l’ottico-optometrista Filippo Torre, all’interno del suo negozio sito presso il Quadrivio di Campagna. Il dottor Torre a soli nove anni inizia a coltivare la sua passione per la realizzazione di occhiali: “Posso dire di essere nato in questo mestiere, la mattina andavo a scuola e il pomeriggio mi recavo presso la bottega di mio zio per imparare il suo lavoro, che all’epoca non prevedeva l’uso di macchine, ma tutta la lavorazione avveniva a mano e quando si doveva agire su delle lenti molto spesse l’operazione durava ore e ore. In seguito ho deciso di seguire le sue orme, mi sono laureato in Ottica-Optometria e ho conseguito il Diploma di licenza di abilitazione all’esercizio dell’arte ausiliaria delle professioni sanitarie di Ottico nel 1976”.
Da più di cinquant’anni Filippo Torre ama e svolge questa professione certosina caratterizzata da passione e pazienza, dapprima come dipendente, tra gli anni 50 e 60 del secolo scorso, presso la Barbera, azienda fondata a Napoli nel 1837 ed insignita dello stemma della Real Casa di cui è stata fornitrice; successivamente lavora per 18 anni a Salerno e in seguito decide in mettersi in proprio ed apre il suo negozio di Ottica a Campagna, dove lavora da 35 anni.
In cosa consiste il lavoro dell’ottico-optometrista?
“L’ottico-optometrista è un esperto dei materiali e degli strumenti necessari a risolvere i problemi visivi ed esegue con tecniche optometriche l’esame delle deficienze visive. Individua e compensa le anomalie della vista attraverso la fornitura e l’adattamento di occhiali e lenti a contatto di ogni tipo. Inoltre, svolge la funzione di consulenza e vendita all’interno del negozio”.
La sua attività necessita di un laboratorio?
“Assolutamente sì, questa è una delle caratteristiche della mia attività commerciale, poiché sul retro del locale vi è il laboratorio vero è proprio, dove avviene, attraverso dei macchinari specifici come il frontifocometro, la misurazione e il controllo degli occhiali. Inoltre, mi accerto dell’assenza di difetti, taglio e levigo i bordi delle lenti, per le singole montature, con attrezzature computerizzate come i centratori e i limatori”.
Dunque dalla materia prima, attraverso determinati procedimenti, si passa al prodotto finito e alla sua collocazione sul mercato. Le credenziali che contraddistinguono il lavoro di Filippo Torre sono l’antica tradizione, la dedizione, l’esperienza e la professionalità. Presso il suo punto vendita si trova un vasto assortimento di lenti a contatto, occhiali da vista e da sole delle più importanti griffe, prodotti nazionali ed internazionali di alta qualità.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu