Immigrati: i numeri - I fatti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cartaceo > Settembre
IMMIGRATI: I NUMERI

SU DIECI PROFUGHI, QUATTRO CHIEDONO LO STATUS DI RIFUGIATI
di Antonio Luongo

I profughi con le loro disavventure sono stati i maggiori protagonisti delle cronache estive e non sembra imminente il giorno in cui usciranno dalle prime pagine dei giornali. Se le tragedie e le vite perdute sono un triste elemento di continuità, la novità principale dell’estate è la scoperta che il fenomeno non riguarda solo l’Italia. Gli arrivi per mare interessano anche la Grecia, mentre altri flussi seguono rotte terrestri attraverso la Bulgaria, la Macedonia, la Serbia, l’Ungheria verso i paesi dell’Europa settentrionale. La Germania ha dato in questi giorni un importante segno di responsabilità umanitaria: malgrado 200 attacchi contro gli immigrati dall’inizio dell’anno, la cancelliera Merkel ha annunciato che tutti i profughi siriani giunti nel paese riceveranno lo status di rifugiati. Ad oggi la Germania ha già ricevuto circa 250 mila domande di asilo dall’inizio dell’anno, 547 mila dal 2011 contro circa 150 mila dell’Italia (fonte: New York Times).
In senso opposto a quello tedesco si è mosso il governo inglese.
Il Regno Unito vuole bloccare a tutti i costi gli accessi sul suo territorio, individuando Calais come il campo di un’impari e disonorevole battaglia contro le persone in cerca di asilo.
In Italia su dieci profughi quattro chiedono lo status di rifugiati. Di tutte le domande presentate dal primo gennaio di quest’anno, ne sono state esaminate il 75%. E del totale esaminato, solo poco meno della metà ha ottenuto la protezione umanitaria. Ma tutti gli altri dove sono finiti? Secondo i dati del Dipartimento immigrazione e diritti civili del Viminale, fino al 21 agosto sono state presentate 44.784 richieste di asilo, a fronte di 110.136 arrivi (al 25 agosto). E finora delle 33.834 richieste esaminate, solo 15.666 sono state accolte contro le 16.921 respinte.
La grande crisi umanitaria arriva dal Medio Oriente,Turchia, Libano e Grecia. Popoli in fuga dalla guerra e dalle violenze (siriani e iracheni).
In meno di due anni quasi 300mila migranti sono arrivati dalla Libia, soprattutto. Popoli ed etnie arcobaleno. Dall’Africa subsahariana a quella centrale.
Dal primo gennaio quasi 30.000 profughi eritrei, 8.000 somali, 7.000 sudanesi, oltre 13.000 nigeriani. E poi i ghanesi, i maliani, i senegalesi. Dei 6.295 siriani sbarcati dal primo gennaio scorso ad oggi solo in 194 hanno chiesto protezione umanitaria, e di questi 115 l’hanno ottenuta. Degli altri seimila siriani si è persa traccia!
Nel porto di Salerno dal 1° luglio 2014, data del primo arrivo, ad oggi sono sbarcati circa 8.000 migranti. Di questi poco più di 1.000 sono rimasti nei centri di accoglienza della provincia.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu