Il 10 e l’11 agosto si svolgerà a Buccino, l’antica Volcei, la nona edizione di Volcei Wine Jazz, evento ormai consolidato, ideato e realizzato dall’associazione Pro Loco di Buccino –Volcei. L’evento prevede l’esecuzione dal vivo di musica Jazz e concerti nel chiostro dell’ex convento degli Eremitani, che ospita il Museo archeologico Nazionale di Volcei, dedicato a Marcello Gigante. La scelta del Museo come location offre uno scenario ideale per coniugare vino, cultura e musica. All’interno del museo non mancano, infatti, elementi che richiamano il rituale del vino in età antica, ovvero il simposium, che tra spettacoli, vino e musica esaltava il piacere del convivio, fulcro della socialità aristocratica del tempo. Tra i molti reperti presenti nei 1600 mq d’esposizione, particolare è l’iscrizione del II sec. d.C. relativa ad un physikos oinodotes, ovvero un medico che proponeva guarigioni a base di vino. Il tutto richiamato dalla sala da banchetto con il suo originale pavimento a mosaico di IV sec a.C che risulta essere il più antico dell’Italia Peninsulare. La manifestazione è nata per celebrare il connubio tra un luogo di cultura quale il Museo e la saggezza del buon bere il vino, accompagnato dalle performances di ottimi musicisti jazz ed istallazioni artistiche.

Nel corso delle giornate dedicate al festival si svolgeranno numerose iniziative capaci di animare la città, saranno proposte degustazioni legate alla gastronomia del territorio promuovendo le eccellenze del territorio poste in abbinamento con i vini Italiani invitando l’enoturista a “Bere responsabilMente”, l’iniziativa intende sottolineare l’importanza del bere bene, senza alcun rischio né per sé né per gli altri.

Programma:10 agosto 2019

Ore 9:00/13:00 – 15:00/19:00
Visita guidata al museo archeologico nazionale di Volcei

Ore 20:00 Apertura delle cantine e dei banchetti gastronomici

Ore 21:30 “Black soul project 5et” in concerto

Antonia Criscuolo – voce
Guglielmo Santimone – pianoforte
Davide Cantarella – batteria
Domenico Andria – basso
Rosa Pia Genovese – sax

Il progetto “Black Soul Project” è nato dalla contaminazione della vecchia epoca musicale nel new sound dei giorni nostri. È la perfetta fusione tra black music, jazz e musica extracolta, ma in particolare è un omaggio all’afro-american music. A capo del progetto il Maestro Davide Cantarella, noto batterista e percussionista salernitano, plurilaureato con il massimo dei voti e lode al Conservatorio G. Martucci di Salerno.

stampa
Condividi
Pubblicità
You May Also Like

DISCARICA ABUSIVA SU SUOLO DEMANIALE, SCATTANO IL SEQUESTRO E LA DENUNCIA

Nell’area insiste anche un capannone all’interno del quale i militari hanno accertato…
Condividi

IN SCENA LA GRANDE STORIA E IL RITORNO DI PAPA URBANO VI

Evento storico culturale che si svolgerà nel centro antico di Buccino, l’antica Volcei in provincia di Salerno, dal 16 agosto al 18 agosto 2019. Il sindaco di Buccino Nicola Parisi evidenzia l’importanza di questo evento storico che coinvolge tutta la comunità la comunità e coniuga l’aspetto storico con quello enogastronomico: “Si parte dall’ antica Volcei sotto il profilo archeologico con accurata analisi delle antiche fonti e si realizza una moderna rivisitazione degli eventi; difatti  i figuranti sono tutti abitanti del posto con costumi d’epoca di pregevole fattura. Momento cruciale della manifestazione, sarà quando si metterà in scena la venuta di Urbano VI, il Papa dello lo Scisma d’Occidente subito dopo la cosiddetta “Cattività Avignonese”,  il pontefice fu ospitato alla corte della famiglia d’ Alemagna nel castello Normanno locale”.
Condividi

TENTATO UXORICIDIO: CARABINIERI SALVANO LA DONNA E ARRESTANO IL MARITO

I militari, subito dopo aver richiesto l’intervento del 118, si prodigavano ad effettuare le manovre di rianimazione del “B.L.S.”.  Dopo enormi sforzi, durati diversi minuti, fortunatamente il cuore riprendeva a battere e la donna ricominciava a respirare
Condividi

L’ADDIO A MONSIGNOR GIGANTE

Ai suoi studenti parlava con dolcezza e agli esami dispensava incoraggianti sorrisi.La sua profonda cultura era occasione di avvicinamento al prossimo, mai barriera.
Condividi