La scorsa notte, i Carabinieri della Stazione di Campagna traevano in arresto nella quasi flagranza del reato di Incendio pluriaggravato un trentaseienne del posto. In particolare i militari, unitamente a personale della Sezione Radiomobile di Eboli, intervenivano alla località Quadrivio dove si era sviluppato un grosso incendio presso una sala slot che aveva provocato ingenti danni all’esercizio stesso, al condominio in cui sono siti i locali, un principio di intossicazione di una condomina che veniva visitata dal 118 nonché l’interruzione dell’erogazione dell’energia elettrica. Le immediate indagini, con l’ausilio del sistema di videosorveglianza della sala, permettevano di identicare sin da subito l’autore, reperito presso la sua abitazione e tratto in arresto. Presso un casolare nella disponibilità dell’indagato veniva recuperata e sequestrata la tanica da 15 litri utilizzata per il trasporto del liquido infiammabile, risultante contenere ancora per un terzo della capicita’ della benzina. Dopo le formalità di rito l’uomo veniva condotto presso la sua abitazione dove permarra’ in regime di arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

stampa
Condividi
Pubblicità
You May Also Like

HA LASCIATO IL CARCERE DA DUE GIORNI, CON ALTRI DUE RUBA ATTREZZI AGRICOLI: I CARABINIERI LI ACCIUFFANO

Avevano rubato attrezzi agricoli del valore di seicento euro da un casolare in via Concezione. Attrezzi restituiti al proprietario dai Carabinieri
Condividi

ELIO OTRANTO RACCONTA I SOGNI INDELEBILI

“L’infanzia perduta” di Elio Otranto sarà presentato venerdì 5 Aprile alle 18.45, presso il Museo della Memoria Centro Studi “G. Palatucci”
Condividi

“Il più bello dei mari …”

Gianni Pittella ha lanciato la Fondazione Attua, iniziativa di azionariato popolare. Dopo la conferenza si é recato in visita alla redazione della nostra rivista dove ha incontrato giornalisti e lettori .
Condividi

L’ULISSE DI JOYCE APPRODA AL CONFALONIERI

Interpreti Francesco Petti e Antonetta Capriglione. L’evento é organizzato dall’associazione “James Joyce Bloomsday”
Condividi