E’ tornato alla Casa del Padre Antonio Cascio, l’amorevole padre di monsignor Pasquale Cascio, arcivescovo di Sant’Angelo dei Lombardi.

Buon padre di famiglia, uomo di chiesa, aggiornato e appassionato lettore, Antonio Cascio ha concluso la sua esperienza terrena ieri sera all’ospedale di Eboli.

Il rito funebre sarà celebrato domani, 14 gennaio, alle ore 10.30, nella Chiesa di San Nicola in Castelcivita.

La comunità di Castelcivita e dell’intero comprensione degli Alburni si stringe intorno alla famiglia Cascio.

Lodevole esempio di buon padre di famiglia, Antonio Cascio lascia la moglie Grazia e i tre figli: l’arcivescovo Pasquale, l’ingegnere Mario e la dottoressa Teresa.

Nella pienezza della grazia di Dio Antonio, riabbraccerà l’indimenticabile figlia Filomena prematuramente scomparsa.

La redazione della nostra testata si associa al dolore ed esprime le più sentite condoglianze a monsignor Pasquale Cascio, alla madre Grazia, al fratello Mario e alla sorella Teresa.

stampa
Condividi
Pubblicità
You May Also Like

LA TESTIMONIANZA SHOCK DELL’AVVOCATO DEI MIGRANTI

Ecco cosa accade, un video che racconta verità dure. Alessandra Ballerini é…
Condividi

PROTEZIONE CIVILE: ALLERTA METEO GIALLA FINO A DOMENICA MATTINA

I possibili rischi riguardano “Ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale; allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; Scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali e fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse; Innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori con inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, ecc); caduta massi in più punti del territorio; Fenomeni franosi superficiali legati a condizioni idrogeologiche particolarmente fragili, in bacini di dimensioni limitate per effetto della saturazione dei suoli”
Condividi

PAOLO PELLEGRIN FIRMA IL CALENDARIO DELLA POLIZIA DI STATO

Grazie alla consolidata partnership con Unicef, dal 2001 ad oggi sono stati raccolti circa 2 milioni e 650 mila euro e completati diversi progetti, tra cui il progetto UNICEF “Yemen”, cui la vendita dei calendari della Polizia di Stato 2019 ha permesso di devolvere 176.949 euro
Condividi

EMERGENZA SANGUE IN CAMPANIA

L’ appello: “Arriva l’estate ma il bisogno di sangue non va in vacanza. Prima di partire, vieni a donare”
Condividi