di Titty Ficuciello

L’amore strappato, fiction televisiva andata in onda su Canale 5, per la regìa di Ricki Tognazzi e Simona Izzo, ha riproposto e ripercorso in chiave cinematografica e quindi ampiamente riveduta e corretta, la vera storia di Angela Lucanto, bambina felice e figlia amata, insieme a suo fratello, che nel novembre del 1995 viene prelevata da scuola da carabinieri e assistente sociale, senza spiegazioni, per allontanarla dalla famiglia e affidarla ad un istituto milanese gestito dal CISMAI( Centro Italiano contro il Maltrattamento e l’Abuso dell’Infanzia). Dopo qualche mese viene arrestato il padre e processato con l’accusa di  abusi sessuali verso la figlia e la cugina. Così, per quasi due anni, Angela rimase in quell’ istituto mentre suo padre trascorse due anni in carcere prima di essere liberato con sentenza di assoluzione in cassazione. Intanto, in tutto questo periodo, ai genitori fu tolta la patria potestà, rendendo tecnicamente Angela adottabile. La madre arrivò ad incatenarsi davanti alla struttura a cui sua figlia era stata affidata e questo gesto portò al trasferimento della bimba in altro istituto, a Genova, dove tra l’altro, l’eccessiva, e forse giustificata, irritabilità della bambina la portò a subire diverse punizioni. Finché un giorno viene adottata da una coppia a lei pressoché sconosciuta che ha già tre figli, di cui due adottati. La bimba stenta a inserirsi nel contesto familiare, i ricordi a tratti prendono il sopravvento, ma diventano sempre più sfocati. Intanto i genitori naturali non si danno per vinti e in nove lunghi anni la cercano disperatamente e con ogni mezzo.

Il fratello le recapiterà una lettera dei genitori e delle foto in cui sono ritratti insieme, una famiglia felice.

E così non senza un tormento interiore, Angela alla soglia della maggiore età, deciderà di ricongiungersi con la sua vera famiglia e contro una giustizia che si era comportata ingiustamente.

Ma com’è stato possibile tutto questo? Com’è possibile che un figlio venga sottratto alla famiglia e dato in adozione ad altri, in tempi rapidissimi e ancor prima di appurare se abbia o no subito un abuso?

Nel 2010 Angela Lucanto scrive la sua triste vicenda autobiografica con l’aiuto di due giornalisti, Caterina Guarneri e Maurizio Tortorella, Rapita dalla Giustizia è il titolo del libro,  che evoca emotivamente sensazioni di frustrazione, di impotenza e di paura nei confronti di una giustizia che si è assunta l’autorità, super et extra partes, di modificare completamente il corso della vita di più individui, cancellando i pochi ricordi d’infanzia e annientando quel rapporto filiale e familiare fatto di compleanni, ricorrenze, foto, video, successi o insuccessi scolastici o sportivi, l’ansia dei primi amori, le litigate, il conflitto adolescenziale, i legami familiari, le amicizie del cuore, i volti dei genitori che maturano, l’aspetto dei figli che crescono, il piatto preferito, le gite, le vacanze, insomma tutto quello che sarebbe potuto essere e anche quello che non sarebbe mai accaduto ma che comunque lega ogni singolo membro alla sua  famiglia, al suo cognome. Intanto, ai fini della Legge, nulla è stato sbagliato se non la fretta e la rapidità degli atti che tante volte invochiamo nella Giustizia ritenendola lenta e farraginosa, ma che in questo caso magicamente si è palesata come risolutrice di problemi e guardiana del Destino degli uomini.

stampa
Condividi
You May Also Like

SUL DORSO DI UN’ASINA: GLI AUGURI DEL DIRETTORE

Domenica delle Palme: impariamo da Gesù a scegliere l’essere e mettere da parte l’avere. La felicità é nel dono, la felicità é nello stare fraternamente insieme, la felicità é nelle piccole cose
Condividi
  • 18
    Shares

ALLERTA METEO FINO A STASERA

Criticità idrogeologica di colore giallo fino alle 20 di oggi sulla Penisola sorrentino-amalfitana, sui Monti di Sarno e Picentini, sul Tusciano e Alto Sele, sulla Piana Sele e l’Alto Cilento, sul Basso Cilento
Condividi

XII CERTAME VICHIANO, LA STORICITA’ DEL DIRITTO: LECTIO MAGISTRALIS DI GIANPIERO PAOLO CIRILLO

Il professore Gianpiero Paolo Cirillo,  Presidente di Sezione del Consiglio di Stato, mercoledì 10 aprile, presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli ha tenuto la seguente lectio magistralis in occasione del XII Certame Vichiano. Un importante contributo intellettuale che il Presidente Cirillo ha voluto condividere con noi e con i nostri lettori
Condividi

ARRESTI E PERQUISIZIONI

I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà stamattina alle ore 10.30 presso la Procura della Repubblica  di Salerno.
Condividi