Si terrà il prossimo 9 novembre, a Sicignano degli Alburni (ore 17), il seminario “Amministrare le comunità: la politica delle donne per il territorio”, organizzato dall’associazione Arcobaleno di Sicignano, insieme al Forum dei Giovani. Un confronto aperto che mette intorno ad un tavolo donne di vertice che hanno una storia politica da raccontare, per capirne il valore aggiunto, supportando le testimonianze di chi sui territori vive ed opera, spesso in trincea, con i dati e con un excursus storico. In un mondo che vede prevalere gli uomini e faticare molto le donne, infatti, l’intento è capire, attraverso le protagoniste, cosa significa amministrare, quale parità politica ed amministrativa si è raggiunta, quale ruolo hanno oggi le donne in politica, quale apporto possono dare. Le politiche di genere non sono ideologia, ma concretezza ed è su questa concretezza che sarà orientata la discussione.

A tenere le fila della discussione, moderando il dibattito, sarà la giornalista Margherita Siani, che ha supportato l’associazione nell’organizzazione del confronto. I saluti sono affidati al sindaco di Sicignano, Ernesto Millerosa, alla Presidente dell’associazione Arcobaleno, Anna Pagnani, al Presidente del Forum dei Giovani di Sicignano, Giacomo Orco, alla segretaria provinciale del Sugc, Clemy De Maio. L’incontro è infatti accreditato anche per la formazione dei giornalisti. Gli interventi introduttivi sono della Consigliera regionale di parità, Mimma Lomazzo, e di Domenico Russo della Fondazione Iannotta. Le testimonianze sono affidate a quattro sindache, di Battipaglia, Cecilia Francese, di San Cipriano Picentino, Sonia Alfano, di Salvitelle, Maria Antonietta Scelza, e della sindaca facente funzioni di Pagani, Anna Rosa Sessa. Alla Presidente del Consiglio regionale, Rosetta d’Amelio, politico di lungo corso e con una grande esperienza politico-amministrativa, sono affidate le conclusioni.

Ad aver aderito all’iniziativa anche molti sindaci, che saranno presenti, e la Consulta delle amministratrici del Vallo di Diano, Tanagro ed Alburni, con la Presidente, Tania Esposito.

Ad organizzare il seminario è Arcobaleno, un’associazione di terzo settore che, sin dalla sua costituzione, nel 2011, si occupa di politiche di genere, di sostegno al lavoro femminile, di gestione di asili nido, ludoteche, centri estivi ma anche progetti che sostengono l’impegno delle donne nel mondo del lavoro, attualmente quale partner degli Accordi di genere della Regione Campania, per la seconda volta dopo il bando del 2012. “Questo ci ha consentito di confrontarci spesso con la politica e soprattutto con i problemi delle persone, individuando anche grandi differenze con cui le amministrazioni si occupano di tali problemi. Da qui la decisione di organizzare un seminario che potesse mettere insieme donne impegnate nelle pubbliche amministrazioni, coloro che sono le referenti prime dei cittadini. Ma anche unire politica, amministrazione, terzo settore ed informazione”, spiegano dall’Associazione.

stampa
Condividi
Pubblicità
You May Also Like

TRAGICO INCIDENTE DI CACCIA: SPARA E, ACCIDENTALMENTE, COLPISCE IL PADRE

I Carabinieri della Sezione Operativa di Eboli, congiuntamente a quelli della Stazione Carabinieri di Postiglione, a conclusione degli accertamenti, deferivano in stato di libertà un cittadino battipagliese  di 34 anni, residente in Postiglione, per il reato di omicidio colposo
Condividi

IL NOE SEQUESTRA AUTORIMESSA, DENUNCIATO IL TITOLARE

L’attività, che insiste in una zona sottoposta a vincolo idrogeologico ed a rischio di pericolosità di frane, è condotta inoltre a ridosso del Vallone delle Corsie, affluente del  fiume Tanagro
Condividi

QUANDO LA POLITICA LA FANNO LE DONNE: IL DIBATTITO ORGANIZZATO DA MARGHERITA SIANI

Il confronto sulla politica delle donne, a Sicignano degli Alburni, le amministratrici puntano l’indice contro gli attacchi social. Resta la difficoltà nella conciliazione. La Presidente del Consiglio regionale, Rosetta D’Amelio, ha sottolineato la coralità di testimonianze diverse che raccontano luoghi, persone, ricordando come la Regione, anche per sua iniziativa, sia la prima in Italia ad aver introdotto la doppia preferenza, che ha portato in consiglio da 2 a 12 le donne presenti. Legge che manca in altre regioni italiane. Ha ricordato la sua esperienza di prima cittadina di Lioni, quando nessuno sembrava credere in lei
Condividi