L’Associazione “I Fatti” nella sua qualità di editore di I Fatti on line comunica che intende pubblicare messaggi elettorali a pagamento per le elezioni europee 2019 in conformità della legge che regolamenta la vendita degli spazi pubblicitari per propaganda elettorale e nel rispetto delle Delibere adottate dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni della Repubblica Italiana.

Tali messaggi devono riportare la dicitura “Pubblicità elettorale” e indicare il soggetto politico committente.

Tutto ciò nell’ambito della legge che regolamenta la vendita degli spazi pubblicitari per propaganda elettorale e nel rispetto delle Delibere adottate dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni della Repubblica Italiana.

 

MODALITA’ E CONDIZIONI

 

Gli spazi di propaganda saranno offerti a tutti i partiti, a tutte le liste e a tutti i singoli candidati che ne facciano richiesta;

In caso di alleanze, ogni partito sarà considerato in modo autonomo;

Le prenotazioni e la consegna del materiale sarà possibile in qualunque giorno fino ad una settimana prima della data delle elezioni; I Fatti on line si impegna a pubblicare i banner entro 1 giorno lavorativo successivo la ricezione dell’adesione, della grafica e del pagamento degli spazi.

E’ vietata la pubblicazione e la trasmissione di qualsiasi messaggio elettorale nel giorno precedente (un minuto dopo la mezzanotte) ed in quello stabilito per le votazioni (esempio: se le votazioni sono previste per la domenica, l’ultimo giorno di trasmissione sarà fino alla mezzanotte del venerdì).

Per prendere visione delle tariffe dei banner e delle misure (uguali per tutti i committenti) e per richieste di informazioni e di pubblicazione di messaggi di propaganda elettorale a pagamento è necessario contattare la redazione via email:direttore@ifatti.eu.

I prezzi saranno fissi e non negoziabili. Non sono previsti né sconti, né diritti d’Agenzia.

Il committente si assume la responsabilità esclusiva (civile e penale) di quanto affermato e dichiarato nello spazio autogestito sollevando l’Associazione I Fatti da ogni responsabilità. Non saranno accettate inserzioni dal contenuto testuale o grafico difformi da quanto stabilito da tutte le norme di Legge e dalle disposizioni dell’Autorità Garante per le Comunicazioni vigenti in materia con riferimento particolare, ancorché non esclusivo, alla Legge 10 dicembre 1993, n. 515 e successive norme attuative regolamentari. Peraltro, I Fatti on line si riserva di verificare i contenuti ed i corredi grafici dei messaggi e, ove ritenuti gli stessi difformi dalle previsioni normative sopra citate, potrà rifiutarne la pubblicazione. In caso di spazio pubblicitario prenotato e pagato e di non approvazione del banner, sarà rimborsata la quota versata.

Ogni Banner potrà essere “fisso” o “a rotazione” e potrà comprendere foto, messaggio elettorale e dati del candidato (simbolo del partito appartenenza). Il committente potrà scegliere se legare il banner ad una pagina descrittiva, indirizzarlo verso un link e/o portale esterno.

Sarà cura del committente fornire ad I Fatti on line il materiale informativo attraverso e-mail o con consegna diretta in tempo utile per la realizzazione e personalizzazione dello spazio acquistato.

Il pagamento, in un’unica soluzione, dovrà essere anticipato e avverrà quindi contestualmente alla formalizzazione contrattuale degli spazi di cui al presente codice di autoregolamentazione, dietro regolare fattura.

Per informazioni e prenotazioni contattare I Fatti on line scrivendo a direttore@ifatti.eu o chiamando il 392 0996170

 

stampa
Condividi
You May Also Like

DISOBBEDIRE IN NOME DI UNA RAGIONE PIU’ ALTA? DOMANI IL DIBATTITO CON CAPPATO

Eutanasia, testamento biologico e disobbedienza civile sono i temi del dibattito di domani. L’evento é organizzato dall’associazione Futura
Condividi

GIUSEPPE ACONE: IL MIO ADDIO

Lo chiamai: “Professore, non posso mandare in stampa la rivista senza il vostro articolo. Devo scrivere la locandina”. Gli parlavo con il voi, come siamo soliti fare noi del Sud con le persone a cui vogliamo bene. Le forze gli venivano meno, ma lo invitavo a continuare a vivere, a crederci ancora, mi ascoltò e scrisse per noi
Condividi

L’INTERVISTA A CORRADO MATERA, ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO

Condividi
Condividi

LA REVENGE PORN: PRESTO LEGGE

La revenge porn o revenge pornography,  tradotto come vendetta porno, indica la condivisione pubblica di immagini o di video a contenuto sessualmente esplicito senza il consenso della persona interessata, la condotta potrebbe essere punita con la reclusione. Il progetto è ora all’esame del Senato e, se approvato, diventerà presto legge dello Stato
Condividi
  • 7
    Shares