di Marco Naponiello

 

Paura e sgomento in Piazza della Repubblica ad Eboli,  questa sera verso le ore 19:30 un giovane presumibilmente intorno ai 20 anni, all’altezza dell’edicola, si è accasciato improvvisamente al suolo dopo un rantolo prolungato, sbattendo rovinosamente la mascella sul pavimento dell’agorà cittadina. Il ragazzo soffrirebbe di crisi epilettiche.

La scena è stata vista da decine di Ebolitani che a quell’ora erano presenti nello spazio di pubblica fruizione, ma l’evento ancor più straziante è stato l’arrivo dei familiari a pochi metri di distanza. La povera madre, presa da una crisi di panico teneva per la vita suo figlio.  Immediatamente il senso civico degli astanti  ha fatto sì che si allertassero gli organi competenti con telefonate reiterate al 118,  mentre il ragazzo giaceva riverso sul lato sinistro, accudito da alcuni soccorritori improvvisati.

Ma al panico, con il trascorrere dei minuti, si aggiungeva un senso di rabbia e di sdegno civico per il prolungato ritardo dei soccorsi. Si è dovuto infatti attendere quasi 30 minuti affinché giungesse un’unità operativa della Croce Verde dalla viciniore Battipaglia, per poter stabilizzare il paziente,  che successivamente è stato ricoverato nel nosocomio locale dopo aver subito, sembrerebbe,  tre punti di sutura alla mascella.

Un tale allarmante episodio, fa riflettere sull’importanza di un pronto intervento nei casi urgenti, e di come i tagli alla Sanità si possono riverberare sull’utenza in qualsiasi momento, avvalorando così la lotta dei comitati spontanei e di associazioni civiche locali, sull’ importanza di avere h24 sul territorio un SSN degno di un Paese civile.

 

 

stampa
Condividi
You May Also Like

Scrittura Creativa

Emozioni e rivelazioni al laboratorio di Enza Davino di Giuseppe Trivisone Intervisto…
Condividi

XXII GIORNATA DELLA DONAZIONE E DEL TRAPIANTO DI ORGANI E TESSUTI

Auditorium San Bartolomeo sabato 13 aprile alle ore 10.00
Condividi
  • 3
    Shares

DOMENICA IN BICI

Ciclopasseggiata domenica 12 maggio, partenza alle ore 8.00 da Piazza della Repubblica
Condividi

Monsignor Cascio per San Giuseppe Moscati

Don Raimo: “Padre Aromatisi ricordava come Moscati non si limitasse a portare solo la cosiddetta ricetta ai suoi assistiti, ma era divenuto per loro, una specie di padre spirituale laico”.
Condividi