Foto di Domenico Nese

 

di Giuseppe Trivisone

“Nun se po’ murì accussì”, parafrasando un popolare detto napoletano, è il titolo dell’incontro “non convenzionale” dedicato ai temi della sicurezza sul lavoro in programma mercoledì 19 giugno a Napoli – dalle ore 9.30 – nella Antisala dei Baroni di Castel Nuovo, Maschio Angioino.
Obiettivo dell’iniziativa, promossa dall’Associazione Europea per la Prevenzione e dal Gruppo Consiliare Napoli Popolare in collaborazione con il Comune di Napoli e l’Hse Symposium 2019, è quello di offrire nuovi punti di vista sui delicati temi della sicurezza e della prevenzione degli infortuni e delle morti sul lavoro.
“Per questo incontro abbiamo coinvolto personalità singolari –  sottolinea Vincenzo Fuccillo, presidente di Assoprevenzione  – accogliendo in un contesto istituzionale, come quello del Maschio Angioino, voci e testimonianze inusuali attraverso le quali avviamo  ulteriori forme di approccio al problema. Preziose, in tal senso, sono le presenze di Matteo Mondini  Presidente della Nazionale Italiana Safetyplayers che, attraverso lo sport, unisce nell’opera di sensibilizzazione un nutrito team di professionisti del settore e di Domenico Nese, vice sindaco di Ogliastro Cilento e ideatore di #Girolevitespezzate, il tour italiano di mille chilometri in bici che ha effettuato per ricordare i mille che hanno perso la vita sul posto di lavoro nel 2018”.
All’atleta Domenico Nese, che raggiungerà il convegno montando la sua bicicletta, sarà consegnata dal Sindaco di Napoli Luigi De Magistris una simbolica “Maglia Rosa della Sicurezza”, ideata apposta per lui quale riconoscimento del suo prezioso impegno nella diffusione di  una nuova cultura della sicurezza sul lavoro”.
Parteciperanno all’incontro anche Alessandro Fucito – Presidente Consiglio Comunale di Napoli, Luigi d’Oriano Presidente Ebilav, Domenico Palmieri – Capogruppo gruppo consiliare Napoli Popolare, Luigi Converso – Presidente Untesil, Olga Borriello Go Engineering, Maria Caterina De Vuono Scait srl, Maria Giovanna Martorelli Skills Consulting srl, Valeria Vittorini psicologa del lavoro. A moderare l’incontro Vincenzo Fuccillo – Presidente Assoprevenzione.
“La Sicurezza sui Luoghi di Lavoro – aggiunge Domenico Palmieri – passa attraverso una più ampia e partecipata cultura del fare Prevenzione. La difesa dei diritti conquistati e la tutela della Salute e della Sicurezza sul Lavoro costituiscono valori irrinunciabili per un Paese che vuole ripartire”.
“Un’altra importante tappa – conclude Luigi d’Oriano – di avvicinamento all’Hse Symposium, che nel prossimo mese di ottobre farà il punto riunendo in assemblea istituzioni, atenei, imprese e membri della società civile impegnati sul fronte della sicurezza”. Vincenzo Fuccillo, Presidente di Assoprevenzione: “Abbiamo pensato ad un evento di carattere creativo sul tema della sicurezza lavoro per rivolgerci ad una platea più ampia e non solo agli addetti al settore. Saranno coinvolte personalità importanti del mondo della sicurezza, ma in un contesto tutto nuovo e con toni diversi dai soliti convegni. La presenza di Matteo Mondini della Nazionale di calcio Safetyplayers e Domenico Nese, ideatore del “cicloviaggio”, è l’espressione di questo approccio diversificato. In questo senso va anche l’assegnazione della “maglia rosa della sicurezza” a Domenico Nese, che ci raggiungerà sulle due ruote e ci racconterà la sua esperienza di vita e di sport. Nun se po’ murì accussì è solo il primo di una serie di eventi nati con l’obiettivo di condividere  cultura della sicurezza e, insieme, cambiare”.

Luigi d’Oriano, presidente di Ebilav: “Dopo la presentazione e l’avvio del concorso di idee dello scorso maggio questo appuntamento  rappresenta un’altra importante tappa di avvicinamento all’Hse Symposium, che nel prossimo mese di ottobre farà il punto sulla situazione complessiva nel nostro Paese riunendo in un’assemblea istituzioni, atenei, imprese e membri della società civile impegnati sul fronte della sicurezza”. E’ necessario lavorare tutti insieme perché solo così, nella costante azione di diffusione della cultura della sicurezza si potrà  davvero promuovere un vero cambiamento e scongiurare tante tragedie.”
Il programma di massima
Ore 9:30  Accrediti e ingresso pubblico
Ore 10:00 Alessandro Fucito accoglie l’arrivo di Domenico Nese in bicicletta
Ore 10:30 Intervento di Vincenzo Fuccillo per Assoprevenzione
ore 10:35 Intervento di Luigi d’Oriano per Ebilav e Hse Symposium
ore 10:45 Intervento di Domenico Palmieri – Politica in Comune e sicurezza
ore 11:00 Davide Scotti per Italia Loves Sicurezza- videomessaggio
ore 11:15 Matteo Mondini per Safety Players – Nazionale Sicurezza lavoro
ore 11:45 Domenico Nese per #Girolevitespezzate – Report ciclo viaggio
ore 12:00 Luigi De Magistris premia Domenico Nese
ore 12:15 Luigi Converso – La necessità di fare rete
ore 12:30 Olga Borriello – Sicurezza: femminile, singolare
ore 12:45 De Vuono / Martorelli – Tecnica-Mente
ore 13:00 Valeria Vittorini – Mettere al centro la vita
ore 13:15 Nun se po’ murì accussì – Saluti finali

 

stampa
Condividi
Pubblicità
You May Also Like

STAZIONI SICURE: TUTTE LE AZIONI DI POLIZIA A NAPOLI

1.280 identificati, 2 arrestati, 9 denunciati nei controlli del weekend culminati nell’operazione “stazioni sicure” della Polizia di Stato
Condividi

LA FELICITÀ È SOTTRAZIONE, LA LEZIONE DI TATAFIORE

Gianluca Tatafiore interpreta al Renaissance Naples Hotel Mediterraneo il tema del Maggio dei Mon
Condividi

BALLO SOSPESO ALLA MOVART DANCE STUDIO

Ballo sospeso: le insegnanti con la collaborazione di Associazioni no profit mettono a disposizione il loro tempo per impartire lezioni gratuite a chi vuole conoscere la danza, ma non ha possibilità finanziarie
Condividi

DISABILITA’: UNA TAVOLA ROTONDA CONTRO IL PREGIUDIZIO

Sono oltre 15 mila solo a Napoli, le persone affette da disturbi psichici in cura presso i servizi di salute mentale; di questi, quasi 2 mila minorenni (ai quali vanno aggiunti i ragazzi che accusano patologie transitorie legate ad abuso di alcol e sostanze stupefacenti). Ai giovani affetti da disturbi dello spettro autistico non è dedicato un lavoro specifico di raccordo tra scuola, parenti e servizi; tra gli adulti va anche peggio, mancando completamente il lavoro di supporto
Condividi