Il libro racconta Villa Rufolo a Ravello, riconosciuta nel mondo quale emblema iconico della città di Ravello, per il suo immenso valore paesaggistico, storico e culturale, è uno degli esempi più preziosi di quella da molti definita architettura arabo-bizantina in Costa d’Amalfi.

All’evento prenderanno parte, oltre ai coautori Secondo Amalfitano e Salvatore Barba, il Sindaco di Eboli Massimo Cariello, l’Assessore alla Cultura del Comune di Eboli Angela Lamonica, la prof.ssa di Storia dell’arte Diana Naponiello, il dott. Dino Lauro, storico archivista, il botanico Michele Biondi, la giornalista Angela Amorosino, che introdurrà l’incontro e Vincenzo Pietropinto che, chiacchiererà con gli autori.

Saranno presenti anche I Cantori di San Lorenzo e l’Associazione teatrale Educarteatrando, che anche questa volta non faranno mancare il loro supporto all’evento, leggendo brani del libro, i ragazzi del Liceo Musicale di Eboli, Giuseppe D’Ambrosio, Cosimo Perri e Gabriele Scarpa, accompagnati dal Prof. Giuseppe del Plato, che accompagneranno la serata con brani musicali. Oltre ai consolidati Media Partner, come il Magazine del Turismo Letterario Luoghi d’Autore e Radio Castelluccio 75. Raffaele Agresti

stampa
Condividi
Pubblicità
You May Also Like

DIVINI LIBRI – CHIACCHIERATA CON L’AUTORE‎ PRESENTAZIONE LIBRO HUIKO DI MARIO VOLPE

Venerdì 12 luglio 2019 dalle ore 19:30 alle 22:30,presso il Palazzo e giardino “Vacca de Dominicis”, centro storico di Eboli
Condividi

Questa sera è già domani

Nel 1938, ben 32 Paesi si riunirono per affrontare il problema degli ebrei in fuga da Germania e Austria. Molte e belle furono le parole, ma in pratica nessuno li volle. Una vicenda emblematica, che inevitabilmente ci riporta ai nostri giorni.
Condividi

“LA TAVOLA DEGLI OTTO” DI RAFFAELLA IANNECE BONORA

Evento culturale che si terrà con il patrocinio del comune di Eboli, mercoledì 25 settembre nella sala del Milion bar, via Umberto Nobile alle ore 19.00
Condividi

DIPHYLLEIA “SOLO L’AMORE PUÒ SCONFIGGERE L’OMOFOBIA”

Evento letterario che si terra nella sala concerti di S. Lorenzo, sabato 5 ottobre alle ore 19.00, nella amena cornice del Centro Storico.
Condividi