Bentrovati,

siamo on-line, la rivista I Fatti ha compiuto dieci anni il 28 febbraio, dieci anni di storie, di denunce, di riflessioni, di approfondimenti di politica, cultura, di economia, di diritto, dieci anni di presenza. Ora la sfida continua, diventa più ardua, ma anche più coinvolgente.

Robin Hood incarna l’archetipo del ladro gentiluomo che ruba ai ricchi per dare ai poveri e, nella leggenda, ristabilisce l’equità, la giustizia. Anche noi abbiamo bisogno di equità e di giustizia.   Viviamo i giorni tristi della cosiddetta autonomia differenziata che vuol dire più risorse a chi ha di più: si toglie ai poveri per dare ai ricchi. Un Robin Hood al contrario, che accentua le disparità invece di eliminarle e ciò accade nella sanità e nella scuola. Sono anche i giorni delle follie sulla Tav, il treno ad alta velocità che ci avvicinerebbe all’Europa che il Movimento Cinque Stelle non vuole.All’odiosa recrudescenza di razzismo si contrappongono manifestazioni di piazza e cortei. Il messaggio è per Salvini.

La pedofilia é un peccato gravissimo e grida vendetta al cospetto di Dio: è la netta posizione di padre Salvatore Mancino, frate francescano del convento di Eboli che abbiamo intervistato.

“Beato chi sa leggere la natura e la qualità degli eventi perché mai nulla accade a caso o per impulso – e poi – é saggio chi ha compreso che il flusso del vivere è coltivare un sogno, un pensare alto”. Così scrive Michele Campanozzi che dalle pagine di questa rivista ci invita a volare alto e ci avverte: “E’ inutile  rincorrere successo, fortuna, denaro. Stiamo perdendo la dimensione fraterna dell’Esserci”. Facciamo presto!

Buona lettura.

stampa
Condividi
  • 5
    Shares
You May Also Like

FORZA MAESTRO CAMILLERI, SERVONO “VOCI LIBBIRE”

“L’italiani non amano sintiri le voci libbire, le virità disturbano il loro ciriveddro in sonnolenza perenni, preferiscino le voci che non gli danno problemi, che li rassicurano sulla loro appartinenza al gregge”
Condividi

FESTA DEL LAVORO: GLI AUGURI DEL DIRETTORE

“Cominciate a fare ciò che é necessario, poi ciò che é possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile”. Felice primo maggio
Condividi